testata per la stampa della pagina

Giovani

"A Capodanno festeggia senza di noi: non fare il botto!", torna la campagna CRI per l’uso consapevole dei fuochi d'artificio

I consigli della Croce Rossa Italiana per un capodanno al sicuro

I consigli della Croce Rossa Italiana per un capodanno al sicuro
I consigli della Croce Rossa Italiana per un capodanno al sicuro

Il 2019 è a un passo. Tra qualche ora la musica, le feste e, dove permesso, i fuochi d'artificio la faranno da padroni. Che la festa cominci. Ma perché non venga rovinata da spiacevoli incidenti è bene tenere a mente il vademecum per l'uso corretto degli artifici pirotecnici. In queste ore, infatti, si verifica il maggior numero di incidenti, talvolta mortali, provocati dall'abitudine di accendere petardi e fuochi d'artificio senza adottare adeguate misure di sicurezza per tutelare la salute delle persone. Consuetudine che spesso trasforma in tragedia momenti che dovrebbero essere ricordati per tutt'altro. Le statistiche ci dicono che la maggior parte degli incidenti provocati da fuochi artificiali dipende da un loro uso scorretto, ma soprattutto dall'acquisto di prodotti artigianali non controllati. Spesso si crede di essere coraggiosi usando i fuochi in modo spavaldo. Ma non è così. I ragazzi tra gli 11 e i 14 anni sono i più colpiti dalle esplosioni e gli organi più interessati sono mani e occhi.
Molti incidenti, inoltre, avvengono il "giorno dopo", a causa dei botti inesplosi che si trovano per strada e della mancata adozione delle misure di sicurezza necessarie al maneggio di questi prodotti.

Anche quest'anno la CRI rilancia la campagna "A Capodanno festeggia senza di noi: non fare il botto!": lo scopo è prima di tutto quello di evitare che si possa rimanere vittima di lesioni, a volte anche molto gravi, specie nelle fasi di accensione dei fuochi che possono diventare dei veri e propri “ordigni” se adoperati da mani inesperte.

 

Cosa evitare?

1. Non acquistare botti illegali: non rivolgerti a venditori non autorizzati e segnala alle forze dell'ordine ogni possibile artificio non legale;
2. Allontana i bambini: non permettere ai più piccoli di avvicinarsi ai botti, specialmente nei momenti in cui vengono utilizzati;
3. Non utilizzare i botti in locali interni: è pericoloso utilizzare i botti all'interno delle vostre case o altri locali, in caso di principio d'incendio contatta immediatamente i Vigili del Fuoco al numero gratuito 115;
4. Non accendere botti inesplosi: se un botto non esplode non tentare di riaccenderlo, potrebbe esplodere o incendiarsi improvvisamente; buttare via il petardo coprendolo con sabbia e acqua;
5. Non toccare i botti inesplosi: se trovi un botto inesploso per strada non tentare di riaccenderlo, non toccarlo e contatta, anche in modo anonimo, le forze dell'ordine ai numeri gratuiti 112 o 113;
6. Non usare armi: è molto pericoloso e potrebbe risultare fatale utilizzare armi sparando nel vuoto o dalla finestra, inoltre non lanciare bottiglie o altri oggetti;
7. Ripara gli animali: gli animali si spaventano dalle esplosioni dei botti, ripara gli animali domestici in casa o tienili stretti al guinzaglio;
8. Presta attenzione che non si avvicinino ai botti inesplosi.

 

In caso di incidente cosa fare?

In caso di emergenza sanitaria chiamare immediatamente il numero 118 (oppure il numero unico di emergenza 112, laddove attivo) avendo cura di descrivere la dinamica dell'infortunio al fine di veder arrivare il mezzo più adeguato per l'incidente avvenuto. Il 118/112 è un numero gratuito contattabile anche da telefono senza credito. Ricorda di non riattaccare mai, il primo a farlo a conclusione della telefonata deve essere l'operatore che ha risposto e lo farà solo al termine dell'acquisizione degli elementi necessari per attivare un adeguato mezzo di soccorso. Successivamente non effettuare ulteriori telefonate, potresti essere ricontattato per ulteriori dettagli utili a facilitare l'arrivo del mezzo di soccorso.

Copyright © 2017 All Rights Reserved - Associazione della Croce Rossa Italiana - Via Toscana, 12 - 00187 Roma - Tel. 065510- P.I. e C.F. 13669721006
Codice Univoco Fatturazione Elettronica A4707H7