testata per la stampa della pagina

Salute

Notizie

 

Il gruppo BNP Paribas in Italia avvia una raccolta fondi a sostegno della Croce Rossa. Le società del gruppo hanno già stanziato 500 mila euro 

Andrea Munari, Country Head BNP Paribas in Italia: «La comunità di donne e uomini di BNP Paribas in Italia, in linea con quanto sta facendo il Gruppo anche in altri Paesi, sostiene la Croce Rossa Italiana, per supportarla in quanto fanno i loro operatori sul territorio, ogni giorno, a servizio della collettività per fronteggiare questa terribile emergenza. Lavorare oggi nei settori essenziali, fra i quali le aziende bancarie e finanziarie, è motivo di grande responsabilità perché si è in prima linea al servizio del Paese nelle difficoltà che viviamo in questo periodo senza precedenti. In ciascuna persona con cui dialogo nel quotidiano osservo un enorme impegno e senso del dovere: colleghi, clienti, istituzioni, fornitori e tutti coloro che quotidianamente interagiscono con noi. Questa dimensione di unità e di spirito di sacrificio è la nostra risorsa maggiore per gestire l’emergenza e soprattutto il dopo».

Soccorritori trattati come untori. Rocca: un'assurdità che deve finire

Sono troppe le notizie che giungono da alcune parti d’Italia e che ci narrano di esecrabili intimidazioni ai danni dei soccorritori di ritorno dalle ‘zone rosse’, trattati come ‘untori’ e minacciati dai datori di lavoro di licenziamento o dai vicini di casa di ritorsioni. Questo stigma è intollerabile, assurdo e a dir poco autolesionista, visto che perpetrato ai danni di chi si prende cura di tutto il Paese senza sosta e con una tenacia incredibile.

Francesco Rocca: l'onore di poter dire grazie alla "prima linea" della Croce Rossa 

"Siamo nati per affrontare tutte quelle situazioni che sembrano sopraffare l’essere umano. Chi entra in Croce Rossa sin dall'inizio fa questa scelta. Eppure, quello che sta accadendo nel mondo ha messo a dura prova anche noi, consapevoli di trovarci in uno scenario imprevedibile e ingestibile: il virus è un nemico invisibile, capace di sopraffare anche la più salda delle volontà. In Lombardia si è pagato il prezzo più alto, i nostri volontari sin dall'inizio hanno rappresentato la prima linea e, se fosse ceduta quella, non avrebbe resistito il sistema Croce Rossa nel resto del Paese: questo era il mio più grande timore. 

Citel Group dona il proprio expertise a Croce Rossa Italiana. L’intelligenza artificiale in campo contro il COVID-19

Un chatbot sviluppato grazie a un’avanzata piattaforma di Intelligenza Artificiale in dono alla Croce Rossa Italiana, per supportarla nella gestione dell’emergenza COVID-19. Questo il contributo di Citel Group, società italiana specializzata nello sviluppo di soluzioni di Intelligenza Artificiale per abilitare la trasformazione digitale nelle imprese e nella Pubblica Amministrazione. 

“I nostri colleghi hanno bisogno di non sentirsi soli”. Il racconto del medico ufficiale della CRI dalla trincea di Bergamo 


Oltre 60 operatori sanitari hanno già risposto all’appello della Croce Rossa per portare un aiuto concreto nelle zone più colpite del Paese. “A parte il tempo strettamente necessario per mangiare e dormire, sono sempre in corsia”. Il dottor Cosimo Prete, ufficiale medico del Corpo Militare della Croce Rossa Italiana, è uno dei tanti operatori sanitari che hanno risposto all’appello della CRI per portare un aiuto concreto nelle zone più colpite del Paese.

Covid-19: Croce Rossa avvia campagna di informazione per chi vive in strada  

Da Nord a Sud sono circa un centinaio i Comitati della Croce Rossa Italiana che hanno intensificato l'attività di supporto per le persone senza dimora in questo delicato momento. Nella sola città di Milano, nella prima settimana di emergenza, sono stati distribuiti oltre 600 pasti, il doppio rispetto a quanto avveniva solitamente. Questo anche perché alcune mense storiche hanno ridotto o addirittura interrotto la propria attività a causa dell'assenza di volontari.

Pontey, “zona rossa” da domenica, vive grazie alla Croce Rossa

Domenica pomeriggio una doccia fredda sulla testa degli abitanti del comune valdostano di Pontey: distribuita nelle buche delle lettere una notifica ha informato 364 famiglie di essere, da quel momento, in un territorio divenuto “zona rossa”, con le indicazioni sulle restrizioni. Il provvedimento si è reso necessario per contenere i contagi dopo otto positivi al COVID-19 in paese e oltre 30 nella micro-comunità per anziani. 

Croce Rossa partner del progetto di ricerca HERoS sulla risposta all’emergenza COVID-19

Migliorare l’efficienza della risposta all'emergenza Coronavirus con uno studio sul lavoro svolto dalle realtà impegnate in prima linea nell'emergenza sanitaria internazionale. È questo l’obiettivo che si prefigge il progetto di ricerca Horizon 2020 (HERoS) - Health Emergency Response in Interconnected System, coordinato dall’Istituto HUMLOG della Hanken School of Economics e di cui farà parte anche la Croce Rossa Italiana.

Lei in quarantena, lui in ospedale. I volontari CRI di Piacenza consegnano l’ultima lettera d’amore

Un frammento di Umanità nei giorni più difficili dell’emergenza. Al centralino del servizio di consegna farmaci a domicilio del Comitato CRI Piacenza, impegnato fin dalle prime ore a supporto della popolazione, arriva una richiesta particolare. E’ un’anziana signora in quarantena che con voce tremante chiede di consegnare una ‘medicina’ al marito, positivo al Covid-19 e ricoverato in ospedale. 

Coronavirus: Croce Rossa invia ambulanze e operatori sanitari da tutta Italia in Lombardia

La Croce Rossa Italiana sta mobilitando da ieri sera tutti i suoi Comitati Regionali a supporto dei colleghi lombardi per il servizio di soccorso richiesto da Areu, inviando ambulanze ed equipaggi.Sono ad ora 18 le Ambulanze partite verso la Lombardia da dieci regioni italiane: Veneto, Piemonte, Liguria, Molise, Lazio, Toscana, Puglia, Umbria, Marche e Friuli Venezia Giulia, con 54 operatori sanitari in totale.

La Fondazione Alibaba e la Fondazione Jack Ma donano 1 milione di mascherine e 100.000 tamponi al popolo Italiano per il tramite della Croce Rossa Italiana per contrastare l’emergenza sanitaria Covid-19

La Fondazione Alibaba e la Fondazione Jack Ma, creata dal fondatore della società tecnologica globale Alibaba Group, Jack Ma, hanno donato 1 milione di mascherine e 100.000 kit di rilevamento al popolo Italiano per il tramite della Croce Rossa Italiana, per sostenere l’Italia nella lotta contro il Covid-19.

Emergenza COVID-19: CRI vicina alle persone sorde grazie a “Pedius”

La sala operativa di CRI per le Persone si potenzia ulteriormente e da oggi gli operatori saranno in grado di soddisfare le richieste di aiuto anche delle persone non udenti. Grazie alla collaborazione con Pedius, infatti, gli utenti sordi potranno scaricare l’app gratuita “Pedius” (realizzata per iOS e Android) sul proprio smartphone, selezionare il servizio Croce Rossa Italiana per inviare la chiamata al numero verde CRI Per Le Persone, 800.065510.

Coronavirus: in arrivo stasera a Fiumicino aereo con aiuti da Croce Rossa Cinese


Rocca (CRI): “Mettiamo a disposizione del Governo italiano i vitali dispositivi. Non risolviamo tutto con questo cargo, ma è una risposta concreta e rapida al nostro Paese”.
Atterrerà stasera, alle 22.30 circa a Roma Fiumicino, l’aereo proveniente dalla Cina con 9 esperti e un grande carico di aiuti inviati dalla Croce Rossa Cinese a quella italiana che veicolerà i materiali al Governo Italiano e in parte distribuirà i dispositivi tra i volontari dell’Associazione impegnati nell’emergenza Coronavirus.

Covid-19, CRI Firenze attiva il ‘Volontariato Temporaneo’ per spesa e farmaci a domicilio

In questi giorni in cui si stanno intensificando le richieste di aiuto da parte della popolazione, la Croce Rossa di Firenze apre un programma di arruolamento Smart per Volontari Temporanei da impiegare nella gestione dell’emergenza COVID-19 per servizi di spesa e farmaci a domicilio per anziani, immunodepressi e persone fragili. Non sono necessarie qualifiche particolari, ma solo disponibilità di tempo e voglia di aiutare gli altri. Queste le uniche caratteristiche richieste a coloro che intraprenderanno il percorso per diventare Volontario Temporaneo CRI e che sceglieranno di farsi parte attiva della lotta contro le difficoltà generate dal Coronavirus. 

Rocca: “Per Croce Rossa è il ‘Tempo della Gentilezza’: dalla spesa a domicilio al trasporto sanitario. Centinaia di volontari in tutta Italia accanto ai più vulnerabili”

Non solo i trasporti in emergenza, in alto biocontenimento e il supporto sanitario alle Regioni, le attività di contenimento della diffusione del coronavirus sono anche nelle città di tutta Italia attraverso piccoli grandi gesti quotidiani di centinaia di volontari della Croce Rossa. In questo delicato momento le attività della CRI non si fermano ma si intensificano adattandosi a nuove esigenze per offrire supporto e assistenza alle persone più vulnerabili. 

Al via in Veneto primo studio al mondo su Covid-19 con il sostegno della CRI

Il primo studio al mondo sul Coronavirus, che ha l'obiettivo di studiare la storia naturale del virus, misurarne la capacità di trasmissione e stabilire in modo matematico le classi di rischio, ha avuto inizio in Veneto, grazie alla raccolta a tappeto dei tamponi sull'intera comunità di Vo’ Euganeo. L’indagine epidemiologica è resa possibile grazie al coordinamento tra Regione Veneto, Università di Padova, la locale Scuola di Medicina e il sostegno da parte dei volontari della Croce Rossa di Padova e delle Infermiere Volontarie.

ANPAS, Croce Rossa, Misericordie rispondono alle dichiarazioni di Balzanelli:  “una vera pugnalata alle spalle per i volontari”

E’ una pugnalata alle spalle per i volontari e per tutti coloro che stanno combattendo la battaglia contro il Coronavirus: questa la posizione delle tre grandi associazioni di volontariato nazionale ANPAS, Croce Rossa Italiana e Misericordie a seguito delle dichiarazioni di Mario Balzanelli Presidente Nazionale della Società Italiana Sistema 118. Secondo ANPAS, CRI e Misericordie Balzanelli sta approfittando di questo momento di difficoltà per riaprire il dibattito politico sulla riforma dell’emergenza urgenza. 

Donazione speciale dalla Comunità Cinese a CRI Lombardia

Un gesto di spontanea solidarietà verso gli operatori sanitari della Croce Rossa. È l’iniziativa dell’Unione delle Donne Cinesi in Lombardia che, in partnership con Il Filo di Seta, organo d'informazione ufficiale dell’Ambasciata Cinese in Italia, ha donato 2.300 mascherine chirurgiche (2000 usa e getta e 300 lavabili) alla Croce Rossa - Comitato Regionale Lombardia. Sulle scatole, consegnate ieri pomeriggio, lunedì 2 marzo, campeggiava la scritta di sostegno “Italia, forza” in cinese e italiano.

Seleziona mese
  1. Gennaio
  2. Febbraio
  3. Marzo
  4. Aprile
  5. Maggio
  6. Giugno
  7. Luglio
  8. Agosto
  9. Settembre
  10. Ottobre
  11. Novembre
  12. Dicembre
Copyright © 2017 All Rights Reserved - Associazione della Croce Rossa Italiana - Via Toscana, 12 - 00187 Roma - Tel. 800-065510- P.I. e C.F. 13669721006
Codice Univoco Fatturazione Elettronica A4707H7