Croce Rossa Italiana - Testata per la stampa

Sisma Centro Italia – Croce Rossa non abbandona i luoghi del terremoto

Terremoto Centro Italia: Come ricostruire insieme. Nella foto la rappresentazione grafica del nuovo Centro Polifunzionale di Amatrice
 
Dona subito online!
Terremoto Centro ItaliaSostieni la Croce Rossa Italiana per le attività di Emergenza Terremoto Centro Italia



“Resteremo accanto alle popolazioni colpite dal sisma finché ci sarà bisogno di noi”. Questa è la promessa che la Croce Rossa Italiana ha fatto nei giorni immediatamente successivi alle scosse che hanno cambiato il volto del Centro Italia.  E questo è ciò che sta facendo.  Superata la prima fase di emergenza in cui la CRI è intervenuta con oltre 5.500 tra volontari e operatori, utilizzando oltre 2000 veicoli, distribuendo 145.000 pasti e fornendo supporto materiale e psicologico a migliaia di persone, è infatti iniziato il percorso di ricostruzione. Un lavoro in cui la Croce Rossa Italiana si sta impegnando quotidianamente con l’Unità di Progetto Sisma Centro Italia, interamente dedicata a questo.

L’obiettivo? Continuare a dare supporto alla popolazione e realizzare progetti che rappresentino una risposta seria e concreta alle esigenze del territorio,  grazie all'ascolto dei bisogni e delle necessità di chi ha vissuto il sisma in prima persona e a un canale di dialogo continuo con le Istituzioni locali e nazionali. 

 
 

Così, nell'immediato, in collaborazione con le aziende sanitarie regionali, sono stati consegnati in tutto il Centro Italia oltre 40 moduli sanitari che hanno permesso di riattivare da subito i servizi ambulatoriali di base e di realizzare veri e propri presidi sanitari in grado di sostituire temporaneamente gli ospedali danneggiati dal sisma,  come a Cascia e Norcia.

 
Inaugurazione del presidio sanitario di Cascia (PG)
 

La Croce Rossa Italiana sta pensando anche al futuro dei territori colpiti con 15 grandi progetti di ricostruzione. Strutture permanenti, tecnologicamente avanzate, realizzate con materiali completamente antisismici, capaci di restituire spazi di aggregazione e incontro alla popolazione ma anche di trasformarsi in presidi di protezione civile e di prima accoglienza in caso di future emergenze. Centri multi-servizi e strutture polifunzionali che siano veri e propri punti da cui ripartire. Ne è un esempio il centro che nascerà ad Amatrice (RI) e comprenderà un’area teatro, un cinema e un auditorium. A Muccia (MC) sorgerà invece un centro polifunzionale dedicato ai giovani così come a Valfornace, mentre a Camerino stiamo realizzando una struttura socio sanitaria per anziani oltre ai nuovi alloggi per gli studenti dell’Università. Ancora, ad Arquata del Tronto (AP) ci sarà una struttura polifunzionale con indirizzo sportivo, a Norcia e Spoleto due Pala Croce Rossa che uniranno lo sport alla formazione, che sarà il cuore anche del progetto di Comunanza (AP). Tra le priorità la realizzazione della nuova scuola primaria di Isola del Gran Sasso (TE) che sarà pronta per l’inizio del prossimo anno scolastico.

 
La cartina della ricostruzione in Centro Italia
 

Prevenzione e ricostruzione del tessuto sociale sono dunque i cardini attorno a cui si sta sviluppando l’intervento della Croce Rossa in Centro Italia. In quest’ottica sono stati inoltre già attivati percorsi specifici per fornire alla popolazione gli strumenti per rispondere con efficacia a un eventuale futura emergenza. Partendo proprio dai giovani, protagonisti del progetto CRI SUMMER CAMP che ha dato la possibilità a tanti ragazzi e bambini tra gli 8 e i 20 anni, provenienti dai Comuni del cratere sismico, di passare gratuitamente una settimana in uno dei campi estivi attivati dai Comitati CRI, vivendo momenti di svago e relax, alternati a formazione specifica sulle emergenze e a percorsi di superamento dello shock vissuto. 

 
Summer Camp
 

Tutto questo è possibile anche grazie al generoso contributo di migliaia di cittadini, tantissime aziende e delle Società Nazionali della Croce Rossa che hanno scelto la CRI per indirizzare le loro donazioni, il cui utilizzo avviene nella massima trasparenza. Croce Rossa Italiana ha infatti deciso di istituire da subito un Comitato Etico dei Garanti, composto da professionisti di altissimo livello (professori di Diritto Internazionale, componenti ed ex componenti della Corte dei Con-ti), che si riunisce periodicamente e vigila su tutte le procedure assicurandone la correttezza e la linearità, seguendo tutti i passaggi imposti dalle normative che regolano gli appalti pubblici.

 
Infografica lavori realizzati
 

Per Donare

Per sostenere le popolazioni colpite dal devastante terremoto del 24 agosto e del 30 ottobre è possibile utilizzare il conto corrente attivato da Poste Italiane e Croce Rossa Italiana con le seguenti coordinate:

IBAN: IT38R0760103000000000900050
BIC/SWIFT: BPPIITRRXXX
Beneficiario: Associazione della Croce Rossa Italiana
Causale: "Poste Italiane con Croce Rossa Italiana - Terremoto Centro Italia"
 
oppure utilizzare il conto corrente della Croce Rossa Italiana con le seguenti coordinate:
 
IBAN: IT40F0623003204000030631681
BIC/SWIFT: CRPPIT2P086
Beneficiario: Associazione della Croce Rossa Italiana
Causale: "Terremoto Centro Italia"

La donazione sarà utilizzata da Croce Rossa Italiana per attività di breve e di lungo termine.

Informazioni e contatti:
email: aiuti@cri.it - Telefono: 06-5510
 
€ 21.420.623,42 raccolti al 22 settembre 2017
 

 
 
 

 
 
 

Chiudi la versione stampabile della pagina e ritorna al sito