Croce Rossa Italiana - Testata per la stampa

Haiti, Croce Rossa in prima fila nella risposta all’emergenza

di Tommaso Della Longa

 
Croce Rossa in prima fila nella risposta all’emergenza legata all'uragano Matthew che ha coplito Haiti
 

I numeri di OCHA, l’ufficio delle Nazioni Unite di coordinamento delle operazioni umanitarie, raccontano il dramma vissuto quotidianamente dalla popolazione di Haiti dopo il passaggio, lo scorso 4 ottobre, dell’uragano di categoria 4 “Matthew”. Oltre 2 milioni di persone colpite, 1 milione e 410mila haitiani hanno bisogno di assistenza umanitaria, 61,537 gli evacuati e 1855 le case colpite. Fino all’8 ottobre, i morti confermati sono 336 e i feriti 211.
Matthew è uno degli uragani più violenti della storia recente dei Caraibi: piogge torrenziali e venti molto forti hanno colpito Haiti, distruggendo case e infrastrutture. In particolare, il ponte più importante nel sud è crollato, rendendo molto difficile l’accesso a una delle aree maggiormente colpite.

 
Tifone Matthew: Oltre 2 milioni di persone colpite ad HaitiOltre 2 milioni di persone colpite ad Haiti dal Tifone Matthew
 

La Federazione Internazionale di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa ha lanciato un appello di emergenza per 6.8 milioni di franchi svizzeri per l’assistenza medica, la costruzione di ripari sicuri, e la potabilizzazione dell’acqua per 50mila persone del sud-ovest di Haiti, una delle zone maggiormente colpite dall’uragano.

Oltre 3000 volontari e operatori della Croce Rossa di Haiti, supportati dalla FICR e dalle società nazionali di Croce Rossa presenti sull’isola, sono sul terreno dall’inizio dell’emergenza, occupandosi di primo soccorso, potabilizzazione dell’acqua, rifugi sicuri, distribuzione di cibo e kit igienico-sanitari.

 
Tifone Matthew ad Haiti: oltre 3000 volontari e operatori della Croce Rossa di Haiti, supportati dalla FICR e dalle società nazionali di Croce Rossa presenti sull’isola
 

“L’acqua contaminata dopo i forti allagamenti fa diventare il colera una delle nostre preoccupazioni maggiori al momento – spiega il delegato della Croce Rossa Italiana ad Haiti, Mariagiovanna Costa – La Croce Rossa sta lavorando per prevenire epidemie nelle comunità colpite dall’uragano. Possiamo aspettarci urgenti bisogni per ostetricia e maternità, per il supporto psicosociale e l’accesso a medicinali essenziali”. 
“L'uragano ha anche distrutto le coltivazioni e ha colpito il bestiame: nel lungo termine ci potranno essere gravi problemi di sicurezza alimentare”, ha concluso Mariagiovanna Costa.

 
Guarda le foto dell’intervento della Croce Rossa ad Haiti
Chiudi la versione stampabile della pagina e ritorna al sito