Croce Rossa Italiana - Testata per la stampa

Terremoto Centro Italia - Assistenza, svago per i bambini e supporto psicologico: il sostegno alla popolazione nella zona dei Monti Sibillini

Dona subito online!
 
Terremoto Centro ItaliaSostieni la Croce Rossa Italiana per le attività di Emergenza Terremoto Centro Italia

“La dimensione del nostro impegno? Il senso della nostra presenza tra la popolazione colpita dal sisma? Un concetto che diventa chiaro nel momento in cui le persone che assistiamo si tranquillizzano al solo vederci. La loro gratitudine, per noi, è tutto e ci rafforza ogni giorno che passa”. A parlare è Valeria Corbelli, presidente del Comitato CRI dei Monti Sibillini, impegnato con i suoi volontari e mezzi sin dai primi momenti seguenti allo sciame sismico della fine di ottobre.

“Siamo circa 15 – prosegue Valeria – ma in questi giorni sono arrivati in supporto volontari e operatori CRI dalla Lombardia, Abruzzo, Emilia Romagna e Lazio. La nostra attività si sta concentrando sui diversi centri nella zona in cui il comitato è attivo. Ad Amandola assistiamo 50 persone, che sono sistemate all’interno del palazzetto dello sport, e disponiamo di un’ambulanza pronta 24 ore su 24 e di un posto medico avanzato nelle vicinanze dei moduli ospedale allestiti dalla Protezione Civile dopo la dichiarazione di inagibilità del locale ospedale”.

Poi c’è Comunanza, il paese sede del Comitato CRI Sibillini, nel cui palazzetto dello sport sono attualmente ospitate circa 200 persone: “Questa gente ha paura di rientrare nelle proprie case e quindi offriamo loro un posto dove dormire e, alla mattina, una buona colazione.

 

Naturalmente rimaniamo a loro disposizione per tutto il giorno, pronti a raccogliere le loro esigenze. Il gruppo giovani del nostro comitato, inoltre, ha allestito una ludoteca per i tanti bambini presenti, che così possono trascorrere alcune ore di svago e spensieratezza”.

 
 
Un cartellone realizzato dai bambini per ringraziare i volontari della Croce Rossa che gli sono stati accanto dai giorni successivi al terremoto
 
 

Nella stessa zona, Croce Rossa è presente in supporto alla popolazione anche a Force, Monte Fortino e Montemonaco, dove ha coadiuvato la colonna mobile della Protezione Civile nel posizionamento del campo di accoglienza che pochi giorni fa, a causa delle avverse condizioni meteo, è stato dismesso.

Ovviamente grande importanza viene data anche allassistenza psicologica: “La nostra squadra di supporto psicologico – conclude Valeria Corbelli – è molto attiva e si muove continuamente tra i vari centri, prestando la propria opera ed aiutando la popolazione a comprendere e superare questi momenti così delicati”.

 
 
Una volontaria della Croce Rossa trucca un bambino in uno dei centri di accoglienza allestiti dopo il terremoto nel Centro ItaliaLa scritta "CRI Sibillini" realizzata dai bambini con la plastilinaUno dei mezzi della Croce Rossa impiegati durante l'emergenza terremoto Centro Italia
 
I volontari della Croce Rossa Monti Sibillini
 
Per approfondire le attività della CRI in sostegno delle popolazioni colpite dal terremoto nel Centro Italia clicca qui
Chiudi la versione stampabile della pagina e ritorna al sito