Croce Rossa Italiana - Testata per la stampa

Sensibilizzazione al fenomeno della migrazione

 

Negli ultimi anni si è registrato un aumento degli episodi di violenza nei confronti delle persone migranti, che costituiscono solo le punte più evidenti di condizioni di ignoranza, disagio e malessere dovute a sentimenti di intolleranza e paura della diversità. Per questo motivo si rende quindi fondamentale intervenire partendo dalla formazione e sensibilizzazione dei Giovani (intesi come agenti di cambiamento delle comunità), per prendere maggiore coscienza del fenomeno ed avere rispetto per chi si trova in condizione di migrazione forzata.

Per maggiori informazioni scrivere a: sofia.moriconi@cri.it

 

Alcuni dei progetti:

YOTR - Youth on the Run

Gioco di ruolo, rivolto alla fascia giovane della popolazione (14 – 35 anni), ha come obiettivo principale quello di far vivere ai giovani le complesse vicissitudini del percorso di vita di richiedenti asilo/rifugiati, per aiutarli a capire e rispettare le persone che hanno dovuto prendere la decisione di fuggire e vivere lontani dal loro paese di origine a causa della persecuzione o della guerra. Per la durata di circa 24 ore i partecipanti avranno una nuova identità, assumeranno il ruolo di richiedenti asilo simulando una fuga, con la loro nuova famiglia, dalla Somalia all'Italia. Durante la simulazione incontreranno sul loro percorso vari ostacoli, le insidie di una lingua sconosciuta, una realtà nuova, tutta da scoprire, abitudini completamente diverse dalle proprie ed infine arriveranno in Italia dove solo alcuni di loro otterranno asilo.

 
 

POSITIVE IMAGES

Il progetto è stato ideato dalla British Red Cross nel 2009 con lo scopo di promuovere attitudini positive, soprattutto fra i ragazzi, rispetto al problema della migrazione e delle persone migranti. Comprende una ricca serie di attività e studi pratici, che permettono ai giovani di affrontare un percorso critico su tematiche globali nell’ambito della propria comunità.

Il percorso ha come destinatari i ragazzi dai 12 anni di età, proponendosi di trasmettere ai giovani informazioni relative ai fenomeni migratori.

 

IL MIO VICINO VIENE DA LONTANO

Iniziativa che ha l’obiettivo di confrontare ed avvicinare le percezioni del territorio da parte di diversi attori della comunità che lo abita, facilitando l’incontro tra abitanti dello stesso territorio socialmente distanti tra loro. 

L’iniziativa si rivolge a studenti delle scuole secondarie di secondo grado attraverso una metodologia educativa non formale e partecipativa, incentrata principalmente sugli strumenti dell’educazione tra pari, sul dialogo e sull’interazione dei partecipanti, sull’ascolto e la condivisione delle esperienze, sviluppata in uno/due incontri.

Oltre al coinvolgimento di volontari, scuole e persone migranti, prevede quello di insegnanti ed istituzioni.

L’attività rientra nell’ambito dell’Offerta Formativa proposta dal Protocollo 2017/2018 tra CRI e MIUR.

 
 
 (1.04 MB)Vademecum progetto "Il mio vicino viene da lontano" (1.04 MB).
 
 

 
 
Chiudi la versione stampabile della pagina e ritorna al sito