Croce Rossa Italiana - Testata per la stampa
 

Visita ufficiale del Principe di Portogallo alla Croce Rossa Italiana

Commemorate gesta di Palasciano e conferita una Medaglia alla Bandiera CRI

 

I fatti storici
Nel 1855 il Re Ferdinando II, Reggente del Portogallo, primo fra tutti i governanti dell'epoca, volle premiare le gesta di Ferdinando Palasciano. Lo nominò Cavaliere dell'Ordine Reale di Nostra Signora di Villa Vicosa, per ricompensare l'altissima opera umanitaria sul campo durante i Moti di Messina del 1848 e il suo sforzo per diffondere nel mondo le proprie tesi sulla "neutralità dei feriti in tempo di guerra", che poi saranno alle basi delle future Convenzioni di Ginevra.

La commemorazione
Per ricordare quella storica concessione, nei giorni scorsi il Principe dom Duarte Pio di Braganza, Successore del Re Ferdinando II e Capo della Casa Reale del Portogallo, ha fatto visita al Comitato Nazionale della CRI, dove ha incontrato il Presidente Francesco Rocca e il Vice Presidente Rosario Valastro. Durante il colloquio il Presidente CRI/IFRC e il Principe hanno discusso circa la grave situazione umanitaria mondiale, intrattenendosi in particolare sui Paesi di lingua portoghese per i quali dom Duarte, in virtù degli incarichi diplomatici ricevuti dagli Stati già parte del Portogallo, svolge attività internazionale.

 
 

La Medaglia alla Bandiera della CRI
Successivamente, nella Sala Palasciano, alla presenza di Volontari e appartenenti ai Corpi Ausiliari del Comitato di Roma, del Gen. Domenico Giani (Comandante della Gendarmeria Vaticana), di alcuni Responsabili Nazionali dell'Area Principi e Valori e di decorati degli Ordini Reali Portoghesi, il Principe ha concesso la Medaglia al Merito dell'Ordine di Villa Vicosa, alla Bandiera della CRI.
La Medaglia al Merito della CRI ai sovrani portoghesi
Il Presidente Nazionale, nel ringraziare per il prestigioso riconoscimento alla nostra Associazione, ha voluto ricordare il fondamentale apporto che i Sovrani Portoghesi diedero alla nascita d al consolidamento del Diritto Internazionale Umanitario e al Movimento di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa, consegnando al Principe - proprio in virtù di tale contributo - la Medaglia d'oro al Merito della CRI e la nomina a Socio Sostenitore.

Il futuro convegno su Palasciano
Al termine della cerimonia, il Responsabile Nazionale per i Programmi dei Corsi di Storia della CRI, nell'annunciare il prossimo svolgimento di un Convegno sulla figura di Palasciano, ha espresso - anche a nome dell'intera Croce Rossa Italiana -  i più sentiti ringraziamenti agli intervenuti ed in particolare al Dott. Giuseppe Tedeschi ed al Dott. Alessio Butti, senza la cui collaborazione e proficuo impegno, non si sarebbe potuto realizzare l'incontro.

 
Chiudi la versione stampabile della pagina e ritorna al sito