Croce Rossa Italiana - Testata per la stampa

A Sulmona, campagna di sensibilizzazione sulle malattie reumatologiche

Una rete di associazioni per una migliore assistenza ai cittadini
Prevenzione e diagnosi precoce delle malattie reumatiche presso la sede della Croce Rossa
 
Nella splendida terra che diede i natali a Ovidio si realizzerà il 21 dicembre la campagna educazionale e di sensibilizzazione sulle malattie reumatologiche, con la messa in campo delle strategie operative dalla UOC Medicina Interna, Servizio di Reumatologia, Ospedale “S. Annunziata” di Sulmona, con l’intento di incrementare il livello di conoscenza e consapevolezza delle malattie reumatologiche. Dibattiti, info point ed esami strumentali si terranno nella sede della Croce Rossa Italiana - Comitato di Sulmona, in via Gennaro Sardi, nel pomeriggio dedicato alla prevenzione delle malattie reumatiche con la collaborazione dell’Associazione Nazionale Malati Reumatici (ANMAR) Abruzzo e della Croce Rossa Italiana di Sulmona. Si apriranno i lavori venerdì 21 dicembre, a partire dalle 15, con i saluti del sindaco di Sulmona, del Direttore Sanitario ASL Sulmona, dell’Associazione Abruzzese Malati Reumatici ONLUS “M. Alberti” e della Croce Rossa Italiana di Sulmona. Le due associazioni introdurranno rispettivamente la tematica del PDTA Malattie Reumatiche e quella dell’importanza della Rete di Associazioni, per una migliore assistenza ai cittadini. Seguiranno gli interventi di Luigi Aloisantonio, dirigente medico UOC Medicina Interna dell’ambulatorio di Reumatologia dell’Ospedale “S. Annunziata” di Sulmona e di Franca Valdo, dirigente Sanitario, Psicologa e Psicoterapeuta dell’Ospedale “S. Annunziata” di Sulmona. Dalle 15 alle 18, inoltre, sarà possibile effettuare Screening gratuiti MOC e Capillaroscopia. Nel corso dell’intero evento sarà attivo uno “sportello tecnico” al quale ci si potrà rivolgere per informazioni e chiarimenti su qualsiasi procedura, trattamento o curiosità scientifica riguardante le patologie reumatiche e le terapie più moderne. Tra queste ultime spicca l’utilizzo di farmaci biologici per il trattamento delle patologie. 
Grazie alla ricerca scientifica e allo sviluppo di nuove molecole farmacologiche, la Reumatologia ha avuto un impulso significativo in tempi recenti”, spiega Luigi Aloisantonio, “una svolta nella cura è rappresentata dalle terapie biotecnologiche, farmaci prodotti con tecniche di DNA ricombinante, che hanno aperto nuovi scenari relativamente all’efficacia clinica, incidendo sull’evoluzione della malattia”. “Oggi abbiamo a disposizione, inoltre, ulteriori nuovi farmaci”, continua Aloisantonio, “le cosiddette small molecules che si assumono oralmente, più comodi per il paziente, che vanno ad affiancare quelli precedentemente citati iniettivi. La possibilità di disporre di strumenti diagnostici multidisciplinari molto sofisticati (dalle tecniche di imaging ai test di laboratorio) permette di intraprendere terapie precoci e tailor-made. I pazienti sono sempre più consapevoli della patologia e attori del loro processo di cura”.
Nei prossimi mesi sarà attivo, a cura dell’Associazione Abruzzese Malati Reumatici ONLUS “M. Alberti”, uno sportello psicologico dedicato ai pazienti reumatici denominato PsicheCare, “per offrire ai pazienti affetti da malattie reumatiche”, spiega Franca Valdo, “uno spazio di ascolto e di gestione del disagio psico – fisico legato alla malattia. L’assistenza psicologica rivolta ai pazienti in tale ambito, acquista un significato i spazio di valutazione e promozione della qualità della vita individuale e familiare, nonché di completamento delle cure mediche, attraverso specifici programmi di intervento integrato”.
Le malattie reumatiche”, dichiara Silvia Tonolo, Presidente dell’Associazione Nazionale Malati Reumatici (ANMAR ONLUS), “comprendono oltre 150 diversi disturbi che interessano l’apparato muscolo-scheletrico come artrite reumatoide, spondilite anchilosante, artrite psoriasica, connettiviti, osteoporosi o reumatismi extra-articolari e  colpiscono oltre 5 milioni di italiani.“ “E’ una tappa importante perché l’A.A.Ma.R. ONLUS sostiene il territorio abruzzese nell’importanza di dare informazioni ai cittadini sulle patologie reumatiche, spesso sottovalutate”, aggiunge Fiorella Padovani, presidente dell’Associazione Abruzzese Malati Reumatici ONLUS “M. Alberti” e ricorda la rilevanza della prevenzione e della diagnosi precoce”.  
La Croce Rossa Italiana di Sulmona”, conclude Anna Mancinelli, Presidente del Comitato CRI di Sulmona, “tra i numerosi obiettivi che si prefigge di raggiungere, ha quello della tutela e protezione della salute e della vita. Lo sviluppo dell’individuo passa necessariamente anche attraverso la promozione della salute e la rete di associazioni è un esempio virtuoso di assistenza ai cittadini”.

Chiudi la versione stampabile della pagina e ritorna al sito