Croce Rossa Italiana - Testata per la stampa

Pulmini per disabili incendiati a Partinico, la Croce Rossa fornirà tre mezzi

 
 Pulmini per disabili incendiati a Partinico, la Croce Rossa fornirà tre mezzi
 

Due pulmini, dedicati al trasporto dei bambini disabili, sono andati a fuoco: questo il triste bilancio dell'incendio doloso provocato ieri a Partinico (Palermo) che rischiava di bloccare, alla riapertura delle scuole, un servizio essenziale posto in essere dal Comune. Ma, come dichiarato anche dal Sindaco di Partinico Maurizio De Luca, "La solidarietà è più forte della violenza": grazie al tempestivo intervento della Croce Rossa Italiana, infatti, il servizio trasporto disabili ripartirà regolarmente il 7 gennaio prossimo.

“La Croce Rossa Italiana - ha detto il Sindaco De Luca - metterà a disposizione 3 pulmini per il trasporto disabili nella sua disponibilità, per far partire il servizio, in attesa dello stanziamento delle somme per l’acquisto di due nuovi mezzi per il Comune di Partinico. Il Consiglio di Presidenza dell’Ars fornirà i fondi per comprare uno dei due minibus. La Presidenza della Regione stanzierà un ulteriore contributo. Infine, nei prossimi giorni verrà aperto un conto corrente dedicato per raccogliere donazioni. Ieri sera sono stato chiamato dal Presidente della Croce Rossa Italiana Francesco Rocca, che ci ha comunicato la splendida notizia. Partinico non è stata lasciata sola. Ringrazio tutti, dal profondo del cuore, a nome della mia comunità”. Il prossimo 2 gennaio il Sindaco si incontrerà con il Presidente della CRI di Palermo, Fabio D'Agostino.

"Nessuna violenza - ha commentato il Presidente Rocca - può fermare la nostra Umanità. I 47 bambini disabili di Partinico potranno continuare ad andare a scuola: questo è il risultato dell'impegno della Croce Rossa Italiana e della stretta collaborazione con le istituzioni locali. Grazie a Fabio D'Agostino, presidente del Comitato CRI di Palermo, che si è attivato immediatamente, grazie ai volontari di Palermo. Un modo straordinario per chiudere il 2018”.

Chiudi la versione stampabile della pagina e ritorna al sito