Croce Rossa Italiana - Testata per la stampa

Lutto nella CRI. Scomparso Paolo Rossi, già Presidente Nazionale dei Pionieri

 

Rocca: "Figura insostituibile"

Lutto nella CRI. Scomparso Paolo Rossi, già Presidente Nazionale dei Pionieri
 

È triste notizia di oggi la scomparsa di Paolo Rossi, negli Anni '80 Presidente Nazionale dei Pionieri della Croce Rossa Italiana e attuale Presidente dell’Associazione dei collezionisti della CRI.

"Paolo ha dedicato la sua vita alla diffusione, attraverso l'educazione dei giovani, dei nostri sette Principi. Ma non solo. Si è infatti speso per divulgare una cultura della prevenzione nelle scuole.“La CRI verso i più Giovani” è la sua importante opera, un lavoro che sancisce l’impegno dell’Associazione in questo settore. Attività che oggi è più viva che mai, con i quasi 45.000 giovani volontari, in età compresa tra i 14 e i 32 anni, con una netta prevalenza di ragazzi e ragazze tra i 17 e i 25 anni, presenti su tutto il territorio nazionale. Oltre alle attività conosciute di assistenza e di soccorso, sono impegnati in una costante e diffusa opera di educazione civica e civile: educazione alla salute, con attenzione alla sicurezza stradale, alla sessualità consapevole, alle abitudini alimentari; educazione sociale, con attività mirate ad arginare la piaga delle dipendenze, che non sono solo alcool e droghe; educazione alla pace e ai principi, per diffondere la non violenza, il rispetto delle differenze, dei diritti umani e in particolare dei bambini e per la prevenzione del bullismo. Ma, soprattutto, sono portatori di una Visione: quella del futuro del Movimento. Questo traguardo è anche merito suo. A nome di tutta l'Associazione voglio esprimere le più sentite condoglianze alla famiglia e il cordoglio per la perdita di questa insostituibile figura".

Lo dichiara Francesco Rocca, Presidente della Croce Rossa Italiana, a nome del Consiglio Direttivo Nazionale. 

Il funerale di Paolo Rossi sarà celebrato mercoledì 22 alle ore 12 a Roma, presso la parrocchia di S.Maria Goretti, via S.M. Goretti n. 29.

Chiudi la versione stampabile della pagina e ritorna al sito