Croce Rossa Italiana - Testata per la stampa

Salute e sicurezza dei bambini - il convegno CRI per gli insegnanti

 
Nella foto: Davide Galassi e Maurizia Scaletti

Ha riscosso unanimi consensi il convegno organizzato dal Comitato Provinciale CRI di Trento incentrato sulla salute e la sicurezza dei bambini e dedicato a dirigenti e insegnanti delle scuole primarie e secondarie di primo grado del Trentino.
Introdotto e moderato da Maurizia Scaletti, direttrice didattica del Centro di Formazione Provinciale G. Tononi di Croce rossa, l'apertura del convegno è stato affidato a Maria Grazia Baccolo, referente provinciale per la storia di Croce rossa che ha intrattenuto i presenti sul tema "a scuola di umanità". L'umanità come rispetto per ogni essere umano, come premessa per un sereno rapporto tra i giovanissimi. 
Il convegno è proseguito con la relazione di Stefania Martini, referente provinciale per l'educazione sanitaria, che ha parlato sul tema "Quando il primo soccorso diventa educativo", ovvero l'educazione al primo soccorso come conoscenza fondamentale per un tempestivo intervento in caso di emergenza.
Davide Galassi, rappresentante provinciale dei giovani, ha relazionato sui progetti CRI per le scuole incentrati sulle sane abitudini alimentari, seguito da Giovanna Boni, formatore di Protezione Civile, che ha affrontato il tema dell'importanza di educare fin dalla tenera età alla prevenzione del rischio.
L'aspetto psicologico nella scuola come strumento di promozione del benessere è stato il tema trattato dalla psicologa Manuela Bailoni, referente provinciale per il supporto psicologico.
 "L'ambulanza non mi fa paura! I mezzi di soccorso spiegati agli occhi dei bambini" è stato il tema conclusivo affrontato da Adriano Ficarra, referente provinciale di Bimbambulanza, un progetto che vede operatori e volontari opportunamente addestrati intervenire in vari istituti scolastici del Trentino per avvicinare i giovanissimi al mezzo ambulanza e a tutti i suoi presidi in modo tale da farne conoscere l'utilizzo sotto forma di gioco per evitare un'eventuale shock in caso di intervento reale.




 
Chiudi la versione stampabile della pagina e ritorna al sito