Croce Rossa Italiana - Testata per la stampa

Ritrovata automobile CRI rubata al Comitato di Ercolano

Era uno dei mezzi utilizzati per le attività di supporto ai più deboli durante l’emergenza Covid-19

 
 

Rubata ieri al termine di un giro di consegna di spese solidali e ritrovata oggi dai Carabieri. Una storia a lieto fine, quella della dell'automobile del Comitato Croce Rossa di Ercolano che era stata "il braccio e le gambe di tanti Volontari" durante le attività de Il tempo della gentilezza. La piccola Panda aveva percorso chilometri e chilometri per portare a termine oltre 3.400 consegne tra spesa e farmaci alle persone più vulnerabili e garantire assistenza a ben 99 pazienti Covid-19 da marzo a maggio nel territorio di Torre del Greco, una delle aree più colpite dall'emergenza.

"Un gesto che ha lasciato l'amaro in bocca, ma non ha mai fermato la nostra voglia di agire a favore di chiunque abbia bisogno", ha commentato il Presidente CRI di Ercolano, Domenico Piscitelli. "La solidarietà ricevuta da tutti fin da subito ha rafforzato ancor di più la nostra azione". 

In tanti - infatti - dal sindaco di Ercolano, Ciro Buonajuto, al Procuratore di Torre Annunziata, Pierpaolo Filippelli, ma anche molti cittadini dell’hinterland e tanti Comitati Croce Rossa da tutta Italia hanno dimostrato la loro vicinanza ai Volontari vittima del furto. “Un abbraccio solidale che ci ha sorpreso e fortemente emozionato”, raccontano. 

E proprio la grande solidarietà ricevuta da istituzioni e cittadini è stata, forse, il motivo che ha spinto gli autori del furto a far un passo indietro. Il mezzo, infatti, è stato ritrovato senza danni evidenti appena 24 ore dopo e, fortunatamente, oggi è tornato in sede, pronto a partire per le prossime operazioni sul territorio.

 
 
Chiudi la versione stampabile della pagina e ritorna al sito