Croce Rossa Italiana - Testata per la stampa

Croce Rossa al ritmo di mille vaccini al giorno, raggiunta quota quattordicimila

 
 
 
Croce Rossa al ritmo di mille vaccini al giorno, raggiunta quota quattordicimila

Sono passati tre mese dal 16 febbraio, giorno in cui su richiesta dell’Apss la Cri del Trentino si è messa in moto per dare supporto alla campagna vaccinale, attività dapprima rivolta esclusivamente agli operatori delle Associazioni di volontariato impegnati nel servizio di emergenza urgenza e successivamente allargata a tutta la popolazione. Attivando un vero e proprio esercito di volontari e un’organizzazione logistica collaudata in anni di formazione ed esperienza sul campo, il sistema è ben presto entrato a regime consentendo oggi di presentare un bilancio parziale di tutto rispetto. Quattordicimila vaccinazioni effettuate e una macchina organizzativa che consente oggi di raggiungere e superare le duemila dosi nel weekend, ovvero nei due giorni in cui Croce Rossa sostituisce Apss nel hub vaccinale di Trento Expo. Numeri destinati a crescere ulteriormente con l’allargamento della campagna agli orari serali, dalle 20 alle 24, a partire già dal venerdì sera. Numeri importanti, dunque, resi raggiungibili solo grazie alla massiccia partecipazione di personale volontario con circa centoventi presenze al giorno tra i quali ottanta professionisti, tra medici, infermieri e assistenti sanitari che hanno risposto con entusiasmo all’appello di Croce Rossa e che nel tempo libero dagli impegni in ospedale e negli ambulatori vestono la divisa da “volontario temporaneo Cri” e accorrono da ogni parte del Trentino e anche dal vicino Alto Adige: un segnale rilevante, questo, a testimonianza dell’importanza che il personale sanitario, quello quotidianamente impegnato sul fronte della pandemia, dà alla campagna vaccinale per poter uscire dall’emergenza Covid. Per ultimi, ma non ultimi, i volontari Cri che hanno organizzato e curato la logistica, dalle prenotazioni telefoniche nella fase iniziale in cui sono stati chiamati a raccolta gli operatori delle associazioni di volontariato alla progettazione dell’attività a Trento Expo. Volontari che hanno creato un’applicazione informatica che consente di seguire il cittadino lungo tutto il suo percorso memorizzando orari e dati salienti (una novità che ha destato curiosità e interesse da parte di molti tecnici esterni), volontari presenti con ambulanza in pronta partenza pronti a far fronte a ogni emergenza, volontari che con atteggiamento empatico gestiscono la breve fila esterna e i flussi tra le sale dell’Expo. Una macchina complessa che fino a oggi ha funzionato alla perfezione mettendo l’utente al centro dell’intervento e ispirandosi a una delle campagne promosse da Croce Rossa, “il tempo della gentilezza”. (GP)






 
Chiudi la versione stampabile della pagina e ritorna al sito