Croce Rossa Italiana - Testata per la stampa

Salerno: il Commissario Straordinario CRI Francesco Rocca partecipa all'inaugurazione del primo nucleo aereo di protezione civile

Si è tenuta domenica 26 settembre  presso l'aeroporto di Salerno la cerimonia inaugurale del primo nucleo aereo di protezione civile, istituito dalla Provincia di Salerno. Il taglio del nastro è avvenuto alla presenza del Commissario Straordinario della Croce Rossa Italiana Francesco Rocca, del presidente della Regione Campania Stefano Caldoro, del Vice Capo del Dipartimento della Protezione Civile, Bernardo De Bernardinis. A fare gli onori di casa il Presidente della Provincia di Salerno Edmondo Cirielli e l'assessore provinciale alla protezione civile Antonio Fasolino. L'iniziativa vede il coinvolgimento di circa 20 aerei, tra mono e bimotori, che fanno riferimento all'Associazione "Volo per te" e "Aeroclub-Salerno" e la partecipazione della Scuola paracadutisti. Il progetto prevede che gli aerei in volo, qualora avvistino un evento cha può minacciare la popolazione del territorio, avvertano tramite una frequenza radio attivata dalla Provincia di Salerno la Protezione Civile Provinciale che poi,a sua volta, allerta la Prefettura. La cerimonia inaugurale del primo nucleo aereo di protezione civile è stata l'occasione anche per far conoscere le iniziative dell'ente Provincia di Salerno nello specifico settore dell'emergenza dove la Croce Rossa Italiana, tramite il Comitato Provinciale di Salerno retto dal Commissario Guido Turco, reciterà un ruolo di primissimo piano. La presenza del Commissario Francesco Rocca non è stata certo casuale: con il presidente della Provincia Cirielli e con l'assessore Fasolino ci si è soffermati sull'esigenza d'individuare un'area attigua alla pista dell'aeroporto "Salerno - Costa d'Amalfi" dove creare un vero e proprio hub dell'emergenza. Allo scopo Rocca ha annunciato l'intenzione di spostare proprio a Salerno il Centro Interventi Emergenza (Cie) tutt'ora dislocato in Basilicata. Una scelta dettata dalla disponibilità delle autorità locali a concedere alcune strutture esistenti, già adoperate dall'Aviazione Leggera dell'Esercito, e dalla posizione strategica della struttura aeroportuale salernitana nel contesto della rete della mobilità nel centro-sud Italia.

 
 

 

 
 
Chiudi la versione stampabile della pagina e ritorna al sito