Croce Rossa Italiana - Testata per la stampa

Somalia: continua la lotta contro l'insicurezza alimentare

La situazione in Somalia rimane altamente critica. Centinaia di migliaia di somali sono ancora sfollati e in cerca di sicurezza e cibo. Malgrado l'aiuto umanitario abbia iniziato a raggiungere la popolazione colpita dalla siccità, molti stanno ancora combattendo per la sopravvivenza.

Gran parte del bestiame è stato decimato e non c'è speranza che la situazione migliori fino al prossimo raccolto di dicembre. La stagione delle piogge è attesa per l'inizio di ottobre, ma anche quando la pioggia è abbondante garantisce solo il 30 per cento della produzione alimentare annuale, che non è sufficiente a far fronte agli immensi bisogni.

"Cercare di abbassare i tassi record di malnutrizione in tali circostanze è un'ardua battaglia", ha dichiarato Andrea Heath, responsabile delle attività economiche e securitarie del Comitato Internazionale della Croce Rossa (CICR) in Somalia. "Ma abbiamo ragione di essere ottimisti riguardo i bambini che ricevono trattamenti nei centri terapeutici nutrizionali gestiti dalla Società di Mezzaluna Rossa somala. Almeno il 95 per cento di essi verrà curato nei prossimi due mesi".

Malgrado le offensive militari siano divenute meno frequenti a Mogadiscio e si stanno verificando principalmente nelle aree di confine, il conflitto armato continua a mietere vittime. Numerosi attacchi ed esplosioni sulle strade vengono riportati ogni settimana nella capitale. La tensione è palpabile lungo il confine keniano, particolarmente nella regione di Gedo.
In risposta alla situazione che si sta aggravando, il CICR ha fatto significativi passi avanti nelle attività nelle parti centrali e meridionali del paese nelle ultime settimane e sta pianificando di aiutare un altro milione di persone entro la fine dell'anno.

Alleviare l'insicurezza alimentare e la malnutrizione

Il CICR ha rafforzato il suo supporto ai centri nutrizionali terapeutici gestiti dalla Mezzaluna Rossa somala. I centri offrono trattamenti ai bambini sotto i cinque anni e ad altre persone vulnerabili, come le donne incinte e le madri in allattamento. Oltre 10.000 bambini stanno attualmente ricevendo trattamenti per la malnutrizione grave acuta.
Le installazioni estese includono nove centri nutrizionali terapeutici a Gedo, Bakool, Middle Juba e Banadir, e altro personale per i 18 centri già esistenti. Il CICR e la Mezzaluna Rossa somala hanno anche dispiegato nove squadre sanitarie e nutrizionali mobili in aggiunta alle tre che erano state mobilitate all'inizio dell'anno.
Inoltre, tre nuovi centri nutrizionali terapeutici sono stati aperti a Kismayo per offrire nutrimento supplementare agli sfollati e ad altre persone in stato di necessità.
A luglio e agosto, il CICR e la Mezzaluna Rossa somala hanno distribuito razioni mensili di fagioli, riso e olio a più di 162.000 persone nelle aree centrali e meridionali della Somalia, le più duramente colpite dalla siccità.
"Pur sforzandoci di venire incontro ai bisogni più urgenti, il nostro obiettivo a lungo termine di ridare vita o incoraggiare il sostentamento delle comunità più disagiate, possibilmente in maniera sostenibile, rimane inalterato", ha dichiarato Pascal Mauchle, capo della delegazione del CICR in Somalia.
In linea con questo scopo, il CICR ha distribuito 134 pompe per irrigazione a luglio e agosto per aiutare a incrementare la produzione di cibo per oltre 6.200 persone. Inoltre, più di 200 persone stanno partecipando a progetti cash-for-work per ammodernare i canali di irrigazione lungo il fiume Shabelle. Altre 140 persone hanno ricevuto beni per piccole imprese, come chioschi e saline nella zona del basso Shabelle.

Prevenire le malattie derivanti dall'acqua e migliorare l'accesso all'acqua pulita

Il CICR fornisce supporto a una campagna di clorazione realizzata in tutte le cliniche della Mezzaluna Rossa somala per contenere la diffusione di malattie acute derivanti dall'acqua. Un milione di tavolette di cloro sono state distribuite in 17 cliniche e filtri d'emergenza in 39 cliniche per assicurare la salubrità dell'acqua.
Il CICR sta proseguendo nei propri sforzi per migliorare l'accesso all'acqua pulita trivellando nuovamente i pozzi, i bacini di acqua piovana e altre fonti d'acqua. Ha completato 11 progetti a luglio e agosto fornendo acqua a più di 25.000 somali.

Oltre 100.000 persone beneficiano delle cure sanitarie supportate dal CICR

A luglio e agosto il CICR ha fornito 1,2 tonnellate di scorte mediche e chirurgiche agli ospedali di Keysaney e Medina, i due ospedali per le ferite di guerra a Mogadiscio. Le scorte sono state usate per trattare più di 650 pazienti, tra cui oltre 250 donne e bambini.
Il CICR ha anche fornito tre tonnellate di materiale per medicazione per e altre scorte per il trattamento dei feriti di guerra agli ospedali nel nord della Somalia a seguito degli scontri a Gaalkacyo. Altre tre tonnellate di scorte sono state consegnate alle strutture mediche su tutti i lati della linea di fronte a Mogadiscio, Kismayo e altrove.
Il CICR continua a fornire supporto a 39 strutture di cura della Mezzaluna Rossa somala nelle parti meridionali e centrali del Paese per assicurare che la popolazione abbia accesso alle cure essenziali e a medicinali di buona qualità. Queste strutture, che hanno condotto più di 115.000 consultazioni a luglio e agosto, hanno ricevuto anche attrezzature e training per il personale.
A luglio e agosto, in queste strutture della Mezzaluna Rossa, circa 20.000 bambini sono stati vaccinati contro la poliomielite, il morbillo, la difterite e il tetano.

Aiutare i rifugiati e altri sfollati a mantenere i contatti con le proprie famiglie

Il CICR aiuta i membri delle famiglie separati dal conflitto in Somalia a rimanere in contatto gli uni con gli altri. A luglio e agosto, attraverso la rete dei volontari della Mezzaluna Rossa somala, il CICR ha raccolto quasi 1.500 e distribuito circa 3.400 messaggi della Croce Rossa contenenti brevi notizie familiari.
Da quando la crisi ha iniziato a peggiorare, centinaia di persone hanno attraversato il confine con il Kenya ogni giorno per rifugiarsi nei campi di Dadaab. Insieme alla Mezzaluna Rossa del Kenya, il CICR dà ai nuovi arrivati l'opportunità di contattare i propri parenti. Dalla metà di agosto, oltre 7.200 persone, compresi quasi 800 minori, hanno beneficiato di questo servizio.
In coordinamento con il CICR, il servizio BBC somalo ha trasmesso i nomi di più di 1.100 persone in cerca dei propri parenti in Somalia e all'estero, e ha pubblicato quasi 11.000 nomi sul proprio sito web. Come risultato, 35 persone hanno ritrovato i parenti.

Promuovere il diritto internazionale umanitario

Le attività del CICR in Somalia sono state presentate in occasione di un seminario per 40 giornalisti somali che si è tenuto a Mogadiscio alla fine di luglio, e sono stati illustrati i principi di base del diritto internazionale umanitario e i loro collegamenti con i le consuetudini somale (biri ma gedo).
A metà agosto, 10 "anziani" hanno partecipato a un seminario a Mogadiscio sulla storia del CICR e le attività dell'organizzazione in Somalia.

 
 


 
 


 
 

 
 
 
 
 
Chiudi la versione stampabile della pagina e ritorna al sito